Raccolta differenziata 2016

Lunedì 5 dicembre 2016

  • A partire da questa data non ci saranno più i cassonetti.
  • A partire da questa data si effettuerà la raccolta differenziata porta a porta di tutte le frazioni secondo il seguente calendario.

ECOCALENDARIO

LUNEDI’ INDIFFERENZIATO
MARTEDI’ PLASTICA
MERCOLEDI’ INDIFFERENZIATO
GIOVEDI’ VETRO E LATTINE
VENERDI’ INDIFFERENZIATO
SABATO CARTA E CARTONE

I SACCHETTI, PREFERIBILMENTE TRASPARENTI, DEVONO ESSERE MESSI SULLA SOGLIA DEL PROPRIO NUMERO CIVICO IL GIORNO DELLA RACCOLTA DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00.

RACCOMANDAZIONI

  • L’indifferenziato bisogna metterlo fuori, dentro un contenitore oppure in modo sospeso.
  • Tutto quello che puoi riciclare, riutilizzalo;
  • Se hai un giardino o un terreno, fai la raccolta dell’umido con una compostiera e avrai il 20% di sconto sulla parte variabile della TARI.
  • Nel sacchetto della differenziata (plastica, carta e cartone, vetro e lattine) continua a mettere il codice a barre uno@uno per avere un ulteriore sconto sulla bolletta TARI.
  • Fai correttamente la raccolta differenziata, poiché saranno effettuati controlli da parte delle forze dell’ordine e ogni trasgressione sarà punita secondo l’ordinanza sindacale.

PLASTICA

COSA METTERE: Bottiglie (acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte), flaconi (per detersivi, saponi, prodotti per l’igiene della casa, ketchup, creme, salse, yogurt), blister trasparenti preformati (es.: gusci per giocattoli, pile, articoli da cancelleria, gadget vari, articoli di ferramenta e per il “fai da te”), film d’imballaggio (per raggruppare più bottiglie di acqua minerale o bibite, per confezioni carta igienica e rotoli carta assorbente da cucina, pluriball es. imballaggi di elettrodomestici, mobili, confezioni regalo, articoli sportivi), shopper (sacchetti/buste), vaschette e confezioni in plastica trasparente per alimenti freschi (es.: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura), vaschette portauova in plastica, vaschette/barattoli per gelati, contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert, confezioni rigide per dolciumi, vaschette per alimenti e piccoli imballaggi in genere in polistirolo espanso, scatole e buste per confezionamento di capi di abbigliamento (camicie, biancheria intima, calze, cravatte), buste e sacchetti per alimenti in genere (es.: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati), reti per frutta e verdura, piatti e bicchieri di plastica.

COSA NON METTERE: giocattoli e posate di plastica, bacinelle, squadrette, pallone e palle, sedie di plastica, occhiali, siringhe e sottovasi.

CARTA E CARTONE

COSA METTERE: Giornali, riviste, fumetti, dépliant, pieghevoli pubblicitari, sacchetti per gli alimenti, per il pane o per la frutta, i sacchetti di carta con i manici, i fogli di carta di ogni tipo e dimensione, gli imballaggi in cartone ondulato di qualsiasi forma o misura (ad esempio, per apparecchi televisivi o elettrodomestici), contenitori in cartone per frutta e verdura, i cartoni in tetrapak di latte, succhi di frutta, vino, panna e similari (svuotati e appiattiti). Tutte le confezioni e gli imballaggi in cartoncino, astucci per la pasta, per il riso, per i corn flakes, le fascette in cartoncino di prodotti come conserve, yogurt e bevande, le scatole delle scarpe, tutte le confezioni di prodotti come detersivi per lavatrici e lavastoviglie, le scatole dei medicinali e del dentifricio, etc.

COSA NON METTERE: piatti e bicchieri di carta, cartoni di pizza unti, carte e cartoni sporchi.

VETRO E LATTINE

COSA METTERE: Bottiglie di vetro, vasetti e contenitori in vetro, vaschette sagomate in alluminio (pulite), lattine in alluminio, scatole e contenitori in banda stagnata per alimenti (pelati, tonno, etc.) carta stagnola e vaschette di alluminio.

COSA NON METTERE: lampadine e tubi al neon, cristallo e vetro al piombo (specchi).

RIFIUTI INGOMBRANTI e RAEE

Fai la segnalazione ai vigili urbani 0934/954901 e ogni mese è previsto il ritiro a domicilio su prenotazione obbligatoria di mobile in legno, materassi, frigo, tv e monitor, elettrodomestici, materiali ferrosi, etc.

INDUMENTI USATI

Puoi conferire gli indumenti usati negli apppositi cassonetti situati in Piazza Rettore Carruba.

FARMACI SCADUTI, PILE ESAUSTE e BOMBOLETTE T e/o F

Puoi conferire questi rifiuti nei cassonetti posizionati nell’entrata del Municipio in Piazza Sant’Agata.

UMIDO

Se pratichi il compostaggio domestico comunicalo all’Ufficio Tecnico con apposita domanda: è prevista una riduzione del 20% sulla parte variabile della TARI.

COSA METTERE: gusci d'uova, avanzi di cibo cotto e crudi, bucce di frutta e scarti di verdura, fondi di caffè e tè, pane, pesce, carne, tovaglioli di carta unti, cenere di legna, etc.

INDIFFERENZIATO

Tutto quello non previsto nel differenziato.

Rocca di San Marco

Rocca frastagliata a causa di eventi tellurici, al suo interno è possibile ammirare una piccola cappella di epoca bizantina. Due sono le sommità che caratterizzano la rocca:il pizzo che è il punto più alto (inaccessibile) e lu "scifazzu" che è il punto più alto accessibile esposto a sud-ovest.

SIEnergia documentazione

E' disponibile la documentazione dello Sportello Informativo Itinerante

Monte San Paolino

Il monte San Paolino è alto 825 metri circa sul livello del mare, ha una circonferenza di 1 chilometro e mezzo circa ed una superficie di più di 11 ettari.; la scalinata che conduce sulla sua sommità è costituita da 183 gradini distribuiti in 4 rampe; il dislivello tra la parte più elevata dell'abitato e la cima del monte è di 200 - 250 metri circa. Sottoposto al più stretto dei vincoli paesaggistici dalla sommità si possono vedere 25 paesi, il mare di Agrigento, le Madonie, l’altopiano di Enna e sullo sfondo l’Etna. Lungo il cammino si incontrano le stazione della Via Crucis, la prigione detta di Filippo D'Angiò, la campanella tradizionalmente suonata dai pellegrini e il luogo dove, nel 57 d.C., fu eretta per la prima volta una croce, in ricordo della adesione dei suteresi alla fede cristiana ad opera della evangelizzazione dei SS. Onofrio ed Archileone. In cima sullo spiazzale sorge il Santuario Diocesano e accanto alla chiesa è il convento che un tempo ospitava i Frati Filippini, oggi eremo Sant'Onofrio. Entrambi si affacciano su un grande spiazzale che conduce, a destra, ad una pineta; nello spazio sottostante vi è una sala convegni. Più in alto, la cella campanaria con il campanone, i cui rintocchi risuonano per tutto il Vallone.

Sottocategorie