Comunicati stampa

Inaugurazione del progetto per la raccolta oli esausti nella scuola di Sutera

ricicloParte il Progetto sperimentale a scuola per la raccolta degli oli esausti

Il 16 marzo 2016 alla scuola di Sutera si è presentato un PROGETTO SPERIMENTALE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER IL RECUPERO DELL’OLIO ALIMENTARE ESAUSTO “SCUOLIAMO”. Erano presenti il Dirigente Scolastico Alessandra Camerota, il responsabile area tecnica della SRR Caltanissetta Nord Salvatore Rumeo, il responsabile della SICOIL Salvatore Di Palma, l’Assessore all’Ambiente di Sutera Nino Pardi, il responsabile dell’Ufficio Tecnico di Sutera Vincenzo Di Giuseppe, il comandante dei vigili urbani di Sutera Nuccia Landro, il consigliere comunale Paolino Mantione e il Vice Sindaco Pino Landro. Il progetto che è stato esposto ai ragazzi della scuola elementare e media di Sutera consiste nella raccolta degli oli esausti da parte degli alunni che porteranno a scuola periodicamente gli oli consumati a casa con un metodo che premierà i più virtuosi. Considerato che gli oli esausti se buttati nel lavandino sono causa di inquinamento ambientale e considerato che quasi il 58% dell consumo degli oli è prodotto dalle utenze domestiche, il Comune ha voluto perseguire l’obiettivo di eliminare in parte questo inquinamento con questa iniziativa che ha incontrato subito la sensibilità del Dirigente Scolastico che ha sposato l’iniziativa. La Giunta Comunale con una sua delibera ha autorizzato l'assessore all'Ambiente Nino Pardi a firmare un protocollo d’intesa con le ditte SICOIL e Gea di Caltanissetta per il ritiro dell’olio portato dai ragazzi in modo gratuito. Nella mattinata si è pure fatta una mini lezione sulla raccolta differenziata ai ragazzi che hanno potuto così rinfrescare la memoria su cosa si può differenziare, sottolineando che il metodo di raccolta porta a porta utilizzato a Sutera è supportato dalla pesatura tramite codice a barre dell’azienda uno@uno e che è già il secondo anno che gli utenti suteresi avranno sgravi proporzionali in bolletta TARI. Anche la scuola avrà il codice a barre corrispondente per visualizzare la propria produzione di differenziata nell’ambito del Comune. Quello della raccolta degli oli esausti è un altro tassello che si aggiunge alla raccolta della frazione secca, cosi come la raccolta dei rifiuti ingombranti e RAEE, così come quella degli indumenti usati, così come la consegna di compostiere a chi ne ha fatto richiesta.

Amministrazione Comunale

 oliesausti

protocollo oli esausti

oliesausti2