Avvisi

Bando per l'assegnazione di alloggi popolari.

Bando di concorso generale per l'assegnazione di alloggi popolari nel Comune di Sutera per la generalità dei cittadini.

                 C O M U N E   D I   SUTERA

        PROVINCIA DI CALTANISSETTA

=======================================================================

BANDO DI CONCORSO GENERALE PER L’ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI  NEL COMUNE  DI  SUTERA . PER LA GENERALITA’ DEI CITTADINI 

INDETTO AI SENSI DEL D.P.R. 30-12-1972 N. 1035 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E L.R. 2-01-1979 N° 1, PER L’ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI, IN LOCAZIONE SEMPLICE, O CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI NEL COMUNE, PER RISULTA, NEL PERIODO DI EFFICACIA DELLA GRADUATORIA.

IL RESPONSABILE DELL’AREA AMMINISTRATIVA

RENDE NOTO

 

Che è indetto il concorso di cui avanti è cenno nel rispetto dei seguenti criteri  con determina  n.   219  del 06/07/2012.

REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO

A norma del D.P.R. 30-12-1972, n. 1035, può partecipare al presente concorso:

a) chi è in  possesso della cittadinanza italiana. E’ ammesso al concorso anche il cittadino straniero appartenente ad uno Stato la cui legislazione consente analoga facoltà al cittadino italiano;

b) chi ha la residenza nel Comune di  SUTERA dimostri di svolgervi la propria attività lavorativa;

c) gli stranieri titolari di carta di soggiorno e gli stranieri regolarmente soggiornanti in  possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo (Decreto Legislativo 25 Luglio 1998 n. 286).

È ammesso altresì a partecipare al concorso il lavoratore dipendente emigrato all’estero che faccia  pervenire la domanda tramite la rappresentanza Consolare Italiana, con avvertenza che il cittadino emigrato, partecipando al presente concorso, non può presentare domanda ad altro Comune.

d) chi non risulti, nel territorio del Comune di SUTERA , titolare del diritto di proprietà, di usufrutto, di uso od abitazione, su di un alloggio adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare, ovvero - in qualsiasi località - del territorio nazionale di uno o più alloggi che, dedotte le spese nella misura del 25% consentano un reddito annuo superiore a € 206,58.

Si precisa che è da considerarsi adeguato un alloggio composto da un numero di vani, esclusi gli accessori, pari a quello dei componenti il nucleo familiare comunque non inferiore a due e non superiore a cinque, e che non sia stato dichiarato igienicamente non idoneo dall’autorità competente;

e)  chi non ha ottenuto l’assegnazione in proprietà o con patto di futura vendita di un  alloggio costruito a totale carico o con il concorso o con il contributo o con il finanziamento agevolato - in qualunque forma concesso - dallo Stato o altro Ente Pubblico;

f) chi fruisca di un reddito annuo complessivo, al netto dei contributi previdenziali ed  assistenziali, per il nucleo familiare non superiore al limite previsto dalle vigenti norme di legge;

In relazione a quanto previsto nei precedenti punti, si intende per nucleo familiare la famiglia composta dal capofamiglia, dal coniuge e dai figli legittimi, naturali, riconosciuti ed adottivi e dagli affiliati con lui conviventi. Fanno parte altresì del nucleo familiare : il convivente more uxorio, gli ascendenti, i discendenti, i collaterali fino al terzo grado e gli affini al secondo grado, purchè stabilmente conviventi con il concorrente da almeno due anni prima della  data di pubblicazione del presente bando.        

I collaterali e gli affini dovranno risultare a carico del concorrente.      

I requisiti per concorrere all’assegnazione degli alloggi dovranno essere posseduti alla data di pubblicazione del presente bando e mantenuti fino all’assegnazione;     

I requisiti di cui ai capi d) ed e) dovranno sussistere anche in favore dei componenti del nucleo familiare del concorrente. Ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 1035/72, qualora prima della consegna dell’alloggio venga accertata la mancanza nell’assegnatario e/o nel suo nucleo familiare di alcuno dei requisiti prescritti o la mancanza delle condizioni che avevano influito  sulla sua collocazione  in graduatoria  la consegna sarà sospesa e si procederà ad idonea istruttoria che potrebbe comportare l’annullamento dell’assegnazione.

MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLE DOMANDE - PUNTEGGIO

Le domande di partecipazione al presente concorso dovranno essere compilate unicamente sui moduli appositamente predisposti dal Comune ed in distribuzione presso gli Uffici stessi del Comune e dell’I.A.C.P.

LA DOMANDA DOVRA’ ESSERE PRESENTATA DALL’INTESTATARIO DELLA SCHEDA ANAGRAFICA.        

In calce alla domanda il concorrente dovrà sottoscrivere l’apposita dichiarazione attestante il possesso da parte dello stesso e del suo nucleo familiare dei requisiti richiesti.

La dichiarazione non veritiera è punita ai sensi della legge penale.

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

  1°- Documenti indispensabili per tutti i concorrenti:

         a)   dichiarazione sostitutiva del certificato di cittadinanza italiana, in calce alla domanda;

         b)   dichiarazione sostitutiva del certificato di residenza, in calce alla domanda;

         c)   dichiarazione sostitutiva del certificato dello stato di famiglia, in calce alla domanda;  

         d)   carta di soggiorno o permesso di soggiorno almeno biennale se il partecipante è straniero;

         e)  dichiarazione sostitutiva relativa all’indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare (ISEE) per lavoratori dipendenti o pensionati, corredato dalla dichiarazione sostitutiva resa dal capo famiglia  attestante che il reddito dichiarato nell’ISEE deriva da lavoro dipendente e che nessuno componente il nucleo familiare sia in  godimento di altri redditi o proprietà oltre a quelli dichiarati nell’ISEE;

        f) dichiarazione sostitutiva relativa all’indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare (ISEE) per ciascun lavoratore autonomo , corredato dalla dichiarazione sostitutiva  resa dal capo famiglia  attestante che il reddito dichiarato nell’ISEE deriva da lavoro autonomo e che nessuno componente il nucleo familiare sia in  godimento di altri redditi o proprietà oltre a quelli dichiarati nell’ISEE ;

        Le dichiarazioni di reddito ISEE e autocertificazioni da allegare all’istanza devono riferirsi all’anno 2012   e dichiarati nell’anno 2011

         g)   dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il mancato possesso di beni immobili, da sottoscrivere in calce alla domanda.

Le dichiarazioni di cui ai punti a), b), c), e), f), e g), del precedente paragrafo dovranno essere redatte ai sensi del D.P.R. 445/2000. In tal caso, le dichiarazioni sostitutive dovranno riportare tutti i dati del certificato. Alle predette dichiarazioni, dovrà essere allegato un valido documento di identità o di riconoscimento del dichiarante.

La mancanza o l’incompletezza delle dichiarazioni determinerà l’esclusione dal bando di concorso.

La mancanza del documento di identità  determinerà l’esclusione dal bando di concorso.

Tutte le dichiarazioni e i documenti dovranno essere presentate contestualmente alla domanda, pena l’esclusione dal bando di concorso.

Il Comune si riserva di richiedere altri documenti in tempi successivi e di effettuare eventuali verifiche su quanto dichiarato

 

RISERVA ALLOGGI

A)  riserva del 20% dell’intero programma per le coppie che intendono contrarre matrimonio o che l’abbiano contratto nei 3 anni precedenti (art. 4 - comma i - L.R. n. 10 del 31-7-2003);

B)  riserva del 20%  della riserva precedente  per le famiglie monoparentali con almeno un figlio minorenne convivente, nonchè le donne in gravidanza, intendendo, nella fattispecie, ragazze madri, separate o vedove (art. 4 - comma 3 - L.R. n. 10 del 3 1-7-2003  handicap

C)  riserva del 10% dell’intero programma per gli anziani di ambo i sessi che abbiano superato l’età utile per il conseguimento della  pensione sociale (art. 3 e 4 della L.R. n. 87 del 6-05-1981),gli invalidi con difficoltà di deambulazione (art. 6 comma 6 Legge n. 68 del 18-4-1981),per i nuclei familiari con uno o più soggetti portatori di handicap con grave difficoltà motoria (art. 6 comma 6 Legge n. 68 del 18-04-1981 ).

D)  riserva del 15% dell’intero programma per i profughi  art. 34 della Legge 763 del 26/12/1981.

  Per l’assegnazione degli alloggi in favore dei soggetti di cui ai capi A) e B), si applicheranno le disposizioni di cui all’art. 4 della Legge Regionale 31-7-2003, n. 10 e l’art. unico del Decreto Presidenziale 5-8-2004.

Per l’assegnazione degli alloggi di cui al capo  C) si applicheranno le disposizioni di cui all’art. 6 della legge 18-4-1981, n. 68.

I requisiti che danno diritto alla riserva di alloggi dovranno essere posseduti alla data di pubblicazione del presente bando e mantenuti fino all’assegnazione.

La richiesta di riserva dovrà essere indicata nella domanda e dovrà essere corredate dai seguenti documenti:

1)  per la famiglia di nuova formazione (da non più di tre anni ) o che  intende contrarre matrimonio , dovrà produrre:

 dichiarazione sostitutiva del certificato di matrimonio o dello stato di famiglia per le coppie che intendono contrarre matrimonio  con allegato  certificato di eseguita pubblicazione  matrimoniale;       

2) per gli invalidi con difficoltà di deambulazione o  per i richiedenti che nell’ambito del proprio  nucleo familiare, abbiano uno o più soggetti portatori di handicap, dovranno produrre :

·         certificato rilasciato dall’ASL attestante la grave difficoltà motoria

3) per i profughi ai sensi della legge 26/12/1982, n. 763, rimpatriati da non   oltre un quinquennio, e che  non svolgono attività lavorativa, dovranno produrre:

          •   attestazione rilasciata dall’autorità competente di cui risulti la condizione di profugo.

2° DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN PRESENZA DI CASI  PARTICOLARI CHE POSSONO DETERMINARE ULTERIORE PUNTEGGIO

a)  se il richiedente abita con il proprio nucleo familiare da almeno due anni dalla data di   pubblicazione del presente bando, in baracca, stalla, grotta, caverna, sotterraneo, centro raccolta, dormitorio pubblico o comunque in altro locale procurato a titolo precario, agli organi preposti all’assistenza pubblica o in altri locali impropriamente adibiti ad abitazione e privi di servizi igienici regolamentari, quali soffitte, sottoscala, bassi e similari dovranno essere prodotti i seguenti documenti:

  • attestato dell’Ufficio di Igiene del Comune, indicante la classificazione dell’immobile  in atto occupato dal richiedente;
  • dichiarazione sostitutiva indicante le variazioni domiciliari del richiedente (certificato storico-anagrafico);
  • dichiarazione sostitutiva indicante l’ente preposto alla pubblica assistenza.

 

b)  se il richiedente coabita con il proprio nucleo familiare, da almeno due anni dalla data di pubblicazione del presente bando, con uno o più nuclei familiari, ciascuno composto da almeno due persone dovranno essere prodotti i seguenti documenti:

  • dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia, di ciascuno dei nuclei familiari coabitanti con il richiedente. Nella predetta dichiarazione dovrà essere specificato l’eventuale grado di parentela e di affinità con il nucleo, o i nuclei coabitanti o la inesistenza ditali vincoli;
  • dichiarazione sostitutiva indicante le variazioni domiciliari sia del richiedente che di  ciascuno dei nuclei familiari coabitanti con il richiedente oppure certificato storico di residenza per l’intestatario della scheda anagrafica di ciascun nucleo familiare;

 

La condizione del biennio non è richiesta quando si tratta di sistemazione derivante da abbandono di alloggio a seguito di calamità o di imminente pericolo di crollo riconosciuto dalle Autorità competenti.

c)  se il richiedente abita con il proprio nucleo familiare, alla data del presente bando, in un alloggio che per pubblica calamità o per altre cause, deve essere abbandonato a seguito di ordinanza di sgombero emessa dalle competenti Autorità, intimata non oltre tre anni prima dalla data del presente bando,dovrà produrre:

      •   dichiarazione sostitutiva indicante il numero e la data dell’ordinanza di sgombero;

d) se il richiedente deve abbandonare l’alloggio per motivi di pubblica utilità e per esigenze di risanamento edilizio, dovrà produrre:

·         dichiarazione sostitutiva indicante il numero e la data del provvedimento emesso dall’Autorità competente;

e)  se il richiedente abita con il proprio nucleo familiare, alla data del presente bando, in un alloggio antigienico, ritenendosi tale quello privo di servizi igienici o che presenti umidità permanente dovuta a capillarità, condensa, igroscopicità, ineliminabile con normali interventi manutentivi, dovrà produrre:

·         certificato dell’Ufficio Comunale d’Igiene e Sanità, contenente la dettagliata indicazione delle cause di antigienicità; Si avverte che ai sensi del DPR 1035/72 il punteggio per antigienicità verrà attribuito solo se dal certificato si rileva che l’alloggio è privo di servizi igienici o che presenti umidità permanente dovuta a capillarità, condensa, igroscopicità, ineliminabile con normali interventi manutentivi, non sanabile ;

f)       se il richiedente, alla data di pubblicazione del presente bando, è costretto a vivere separato dal  proprio nucleo familiare, in quanto nel Comune sede di lavoro (distante oltre otto ore di viaggio con gli ordinari mezzi pubblici di trasporto dal luogo di residenza della famiglia) non dispone di alloggio idoneo al nucleo familiare stesso, dovrà  produrre:

·         certificato di servizio rilasciato dal datore di lavoro e dichiarazione sostitutiva di atto notorio indicante

·         Comune di residenza della famiglia;

g)      il richiedente che abita in un alloggio il cui canone di affitto risulti incidere nella misura non inferiore al 25% dell’indicatore ISE dovrà produrre:

·         copia conforme del contratto registrato  e mod. ISE relativo all’anno 2012 per il reddito 2011

      h) se il richiedente è grande invalido civile o militare e non svolge attività lavorativa:

certificato rilasciato dall’ASL o altra autorità competente attestante l’appartenenza a tali categorie .

 i)  se il richiedente è lavoratore dipendente emigrato all’estero, dovrà produrre:

·         dichiarazione sostitutiva attestante il Comune estero sede di lavoro;

·         dichiarazione del datore di lavoro attestante che lavora alle sue dipendenze .

·         dichiarazione  sostitutiva attestante che non ha partecipato a bandi per l’assegnazione di alloggi in altri comuni del territorio nazionale.

·         dichiarazione sostitutiva attestante il  reddito complessivo del nucleo familiare per l’anno          e dichiarato nell’anno precedente , l’impossidenza  o meno di beni immobili relativamente a tutto il nucleo familiare ;

1)  se il richiedente abita con il proprio nucleo familiare, alla data del presente bando, in un alloggio che deve essere abbandonato a seguito di ordinanza o sentenza esecutiva  di sfratto, dovrà produrre:

·         dichiarazione sostitutiva con l’indicazione del numero e la data del provvedimento di sfratto;

Le situazioni particolare di cui ai punti a-b-c-e-f-g-  che danno diritto a ulteriore punteggio dovranno essere posseduti alla data di pubblicazione del presente bando e mantenuti fino all’assegnazione.

È FACOLTÀ DEI CONCORRENTI ALLEGARE ALLA DOMANDA TUTTI QUEI DOCUMENTI RITENUTI UTILI

        

RACCOLTA DELLE DOMANDE, FORMAZIONE E PUBBLICAZIONE

DELLA GRADUATORIA - RICORSI

Le domande relative al presente concorso dovranno essere presentate al Comune entro il termine di 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente bando all’Albo Pretorio del Comune. I lavoratori emigrati all’estero potranno presentare la domanda entro 120 giorni, se residenti nell’area europea, entro 150 giorni se residenti nei paesi extra - europei.

Esaminati gli atti si procederà alla redazione della graduatoria provvisoria il cui estratto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e la stessa sarà affissa per  15  giorni all’Albo Pretorio del Comune.

A campione potranno essere verificate le dichiarazioni rese in autocertificazione.

Gli interessati potranno inoltrare opposizione contro la graduatoria provvisoria al Comune in carta semplice, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e, per i lavoratori emigrati all’estero, dalla ricezione della comunicazione a mezzo del servizio postale.

Il Comune provvederà sulla base dei documenti acquisiti ed allegati al ricorso al riesame della domanda.

Non sono valutabili,ai fini della determinazione del punteggio, i documenti che il richiedente avrebbe potuto o dovuto presentare nel termine fissato dal Comune.

Espletato l’esame delle opposizioni, il Comune formula la graduatoria definitiva. Tra i concorrenti che avranno conseguito lo stesso punteggio sarà effettuato il sorteggio.

La graduatoria modificata definitiva verrà pubblicata con le stesse modalità e le formalità stabilite per la graduatoria provvisoria e costituisce provvedimento definitivo.

La graduatoria definitiva conserva la sua efficacia dalla data della sua pubblicazione fino a quando non sarà dagli aggiornamenti che, ai sensi dell’art. 9 del DPR n.1035/72, saranno eseguiti in base ai bandi integrativi.

L’aggiornamento comporterà la stesura di una nuova graduatoria.

I partecipanti al presente bando concorrono all’assegnazione di tutti gli alloggi  disponibili nel periodo di efficacia della graduatoria.

Il canone di locazione verrà stabilito dall’Istituto Autonomo per le Case Popolari, sulla base delle leggi vigenti.

DICHIARAZIONE DEI MODULI E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DELLE DOMANDE

I moduli appositamente predisposti per la compilazione delle domande di assegnazione degli alloggi saranno in distribuzione presso gli uffici del Comune e dell’IACP.

Le domande, potranno anche pervenire a mezzo raccomandata A.R. diretta al Comune di SUTERA   Ufficio Assegnazione Alloggi Popolari entro il termine perentorio di 60 gg dalla pubblicazione del presente bando all’Albo Pretorio, pena l’esclusione. Ai fini della validità della domanda, farà fede il timbro postale di partenza. I lavoratori dipendenti emigrati all’estero potranno presentare  la loro domanda tramite la Rappresentanza Consolare  Italiana  entro 120 giorni, se residenti nell’area Europea, ed entro 150 giorni se residenti nei Paesi extraeuropei,pena l’esclusione.

CHI INTENDE PARTECIPARE PER L’ASSEGNAZIONE DELL’ALLOGGIO POPOLARE DEVE RIPRESENTARE  LA DOMANDA  AI SENSI DEL PRESENTE BANDO ,IN QUANTO IL PRESENTE COSTITUISCE  BANDO GENERALE DI REVISIONE.

IL RESPONSABILE DELL’AREA AMMINISTRATIVA

(Ins. Grizzanti Onofrio)

Pubblicato in                               data ____________